Home CRONACA Covid-19, altri sette rintocchi funebri dai campanili del Ticino

Covid-19, altri sette rintocchi funebri dai campanili del Ticino

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 12.29) Ossessivo diventa il numero quando con l’immagine di esso ti addormenti la sera, avendolo metabolizzato quale dimensione della tragedia consumatasi sul passaggio di 24 ore, e tale cifra, l’identica cifra, ritrovi il mattino seguente come nuova testimonianza della strage che si perpetua, e di più, in una media che ci sta flagellando da oltre cinque settimane. Altri sette morti, altri sette cadaveri si sono allineati tra ieri e stamane (vale il solito punto fermo delle ore 8.00, secondo prassi adottata in seno allo Stato maggiore cantonale di condotta) nella sterminata camera ardente del Ticino che viene di nuovo sconfitto sul campo del Covid-19 nemico insinuatosi fra le nostre linee e di continuo emergente da trincee invisibili; diventano dunque 258 le vittime accertate, così come era stato ieri sull’altr’ieri, e così come consta essere dato di riferimento nel volgere di 36 giorni ad effettivi 7.17 decessi da alba ad alba. Irrilevante, nel contempo, il valore dichiarato per quanto riguarda i nuovi contagi, 12 in tutto (ma stiamo parlando delle specifiche ammissioni nosocomiali a cavallo tra Pasqua e Pasquetta; riscontro pertanto attendibile per riscontro ma da assumersi “cum grano salis” per statistica), e di questo passo si è giunti ad un saldo 2’912 unità. Lo stesso dicasi in materia di dimissioni dalle strutture ospedaliere, otto in più, in totale 524. Computo generale sulla Svizzera, infine, secondo quanto riferito sul portare www.corona-data.ch (rilevazione aggiornata ad otto Cantoni su 26): 62 contagiati in più, per un totale di 25’753, e 1’148 morti.