Home TICINO MOTORI “Kia X-Ceed” e “Ceed Sportswagon”, ibride “plug-in” che fanno tendenza

“Kia X-Ceed” e “Ceed Sportswagon”, ibride “plug-in” che fanno tendenza

a cura di Claus Winterhalter

Concetto-fulcro qual è oggi nel mondo delle auto, l’elettrificazione costituisce progetto e sfida allo stesso tempo: qualcuno si trova infatti (ed ancora) ai piedi della scala, qualcuno prova a prendere coraggio, e qualcun altro sta invece correndo da tempo su questa strada, secondo strategia che tra l’altro investe i volumi più rilevanti nelle vendite sicché la quota dell’elettrificato sale rapidamente a compressione di quella occupata dai “tradizionali” propulsori termici. In posizione d’avanguardia nella ricerca e nell’applicazione su modelli di punta è la sudcoreana “Kia”, che con l’introduzione della variante “plug-in hybrid” nelle gamme “Kia XCeed” e “Ceed Sportswagon” – “crossover” dal taglio sportivo la prima, spaziosa “station wagon” dalle medie dimensioni la seconda – si appresta a volare ai vertici del mercato dopo aver già raccolto unanime consenso per qualità complessiva, peculiarità (ed in questo rientrano per l’appunto i gruppi propulsori di nuova generazione), affidabilità e freschezza anche nell’immagine d’impatto.

Si diceva del gruppo propulsore “plug-in”: per entrambi i modelli, batteria da 8.9 kiloWatt/ora, motore elettrico da 44.5 kiloWatt/ora, efficiente motore 1.6 Gdi ad iniezione diretta, trasmissione a doppia frizione e sei rapporti; ottime la fluidità e l’efficienza che chi sia al volante – soprattutto se abituato alle trasmissioni a variazione continua – percepisce con immediatezza. Per le due nuove varianti ibride “plug-in”, inoltre, sospensioni e sterzo sono stati rivisti con l’obiettivo – raggiunto – di garantire e di assicurare lo stesso stile di guida offerto dalle motorizzazioni convenzionali, e ciò mediante adattamento ovvero diversa distribuzione del peso del gruppo propulsore ibrido. A proposito: la garanzia di casa “Kia” (sette anni o 150’000 chilometri) rimane immutata anche sul “powertrain” ibrido, inclusa la batteria ai polimeri ed agli ioni di litio ad alta tensione.

Articolo precedenteColpo di stiletto / Vco: cacciatori nel… mirino, ai cinghiali nessuno spara più
Articolo successivoMorbio Inferiore-Lourdes, a raccolta gli ospitalieri della Svizzera italiana