Home CRONACA Bersagliava le stazioni di servizio, rapinatore estradato dal Varesotto

Bersagliava le stazioni di servizio, rapinatore estradato dal Varesotto

Ha alle spalle un “curriculum” criminale di prim’ordine, con la specifica della transnazionalità nel senso che di reati contro il patrimonio si era macchiato sia nella natìa Italia sia al di qua del confine; in Ticino, dove è stato estradato nelle scorse ore, dovrà rispondere in particolare della compartecipazione a tre rapine perpetrate nei giorni di venerdì 7 aprile 2017, domenica 5 novembre 2017 e mercoledì 4 aprile 2018, bersagli sempre le stazioni di servizio in territorio comunale di Brusino Arsizio, appena oltre il valico su Porto Ceresio. Sull’uomo, un 36enne cittadino italiano con residenza in provincia di Varese e dunque da considerarsi quale frontaliere del colpo, gravava un mandato internazionale di cattura; identificazione resa possibile, come indicano fonti ufficiali, dalla stretta collaborazione in indagine tra elementi della Polcantonale e colleghi della Squadra mobile operante alla Questura di Varese. A carico del 36enne, che aveva agito di concerto con uno o più complici, l’accusa per rapina aggravata; “dossier” di inchiesta nelle mani della procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

Articolo precedenteCadenazzo, malori da intossicazione alla logistica della Posta
Articolo successivoFine della tregua armata, i “radar” ricominciano a pullulare