Home POLITICA Votazioni federali / Libera immigrazione in Svizzera suicida. Ticino, un grido nel...

Votazioni federali / Libera immigrazione in Svizzera suicida. Ticino, un grido nel deserto

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 21.32) Con il 61.7 per cento di “no” (1’988’120 schede contro 1’233’809) e con la netta maggioranza dei Cantoni (19.5 contro 3.5), l’iniziativa popolare di sponda Udc e Asni dal titolo “Per un’immigrazione moderata” è stata respinta oggi dai cittadini svizzeri. A sostegno del testo, com’era prevedibile, il Ticino (70’115 favorevoli, 61’841 contrari) insieme con Svitto (35’837 contro 31’328), Glarona (7’267 contro 7’132) ed Appenzello interno (3’675 contro 3’094). “No” (63.2 per cento; in Ticino, uno dei due Cantoni espressisi in senso opposto, 67’114 “sì” contro 61’661 “no”) a maggiori deduzioni per i figli; “sì”, invece, al congedo paternità (60.3 per cento; in Ticino, 88’255 contro 42’941). In volata, e con ribaltamento clamoroso delle tendenze su cui nel frattempo alcuni autorevoli soggetti avevano già cantato vittoria, il “no” alla nuova Legge sulla caccia (al 51.9 per cento; in Ticino, 67’550 “sì” e 63’735 “no”) ed in materia di stanziamento per l’acquisto dei nuovi aerei da combattimento (“sì” al 50.1 per cento, scarto di 8’670 voti su oltre 3.2 milioni di schede, sorpasso sui dati degli ultimi due Cantoni, Argovia e Zurigo; in Ticino, 62’194 “sì” e 69’626 “no”).