Home CRONACA Meno emissioni negli edifici, al Ticino una dozzina di milioni di franchi

Meno emissioni negli edifici, al Ticino una dozzina di milioni di franchi

Valgono circa 11.9 milioni di franchi in forma di contributo dalle casse della Confederazione, per l’anno corrente, i programmi attuati dall’autorità politica cantonale ticinese in materia di riduzione delle emissioni di diossido di carbonio negli edifici. Le risorse, provenienti dal prelievo ex-tassa specifica, fanno parte di un fondo con dotazione sino a 450 milioni di franchi l’anno e da utilizzarsi per interventi di riduzione delle emissioni su percorsi di lungo periodo; il contributo è tuttavia assegnato ai Cantoni in cui siano attivati programmi promozionali “mirati” ovvero a sostegno dell’uso “efficiente” dell’energia così come dell’impiego di energie rinnovabili; in Ticino, ad esempio, sussiste un credito-quadro complessivo da 105 milioni di franchi per il periodo 2011-2020, e basti il pensare al fatto che, nel corso del solo 2019, al Dipartimento cantonale territorio sono state inoltrate 1’237 richieste di incentivo, per un totale di 6’059 dall’inizio del programma medesimo; a quasi 26 milioni di franchi l’entità delle concessioni rilasciate lo scorso anno, oltre 104 milioni di franchi quelli in concessione complessiva. Da Berna, contestualmente, contributi per 65.3 milioni di franchi, cui andranno ad aggiungersi i menzionati 11.9 millioni di franchi circa. Un nuovo credito-quadro è inoltre in corso di elaborazione secondo quanto previsto nel testo della Legge cantonale sull’energia.