Home CULTURA Emigranti vincenti: a Morcote la mostra sui Fossati al servizio del sultano

Emigranti vincenti: a Morcote la mostra sui Fossati al servizio del sultano

31
0

Mille storie di emigrazione fortunata, cioè destinata a lasciare il segno nella storia o in una delle sue espressioni (l’arte e la cultura in generale, per esempio), offre il Ticino delle varie diaspore nell’arco degli ultimi 800 anni almeno, avendosi contezza di figure e di date dal pieno del miracoloso Medioevo. Ogni luogo con propri nomi e cognomi, che magari si ritrovano modificati o addirittura integri a distanza di secoli; non fa eccezione Morcote, che anzi è caposaldo di più e più storie distinte e che oggi, al “Parco Scherrer”, rende nuovo omaggio ai fratelli Gaspare e Giuseppe Fossati, architetti del secolo decimonono, da qui partiti alla volta di Costantinopoli o Nova Roma o Bisanzio o Istanbul o Città d’Oro cui ci si voglia riferire secondo i tempi e secondo le differenti culture. Ed è proprio “Da Morcote a Costantinopoli. I fratelli Fossati al servizio del sultano” il titolo della mostra ormai di prossima inaugurazione (cerimonia ufficiale, ore 18.00) e che si colloca quale secondo passo nel progetto di celebrazione della famiglia Fossati, ovvero nella scia della conferenza ospitata martedì scorso alla Sala multiuso “Sergio Maspoli”.

Tra i vari meriti, Gaspare e Giuseppe Fossati ebbero la conduzione e la gestione del restauro alla basilica titolata a santa Sofia per l’appunto in Costantinopoli; l’opera viene ripercorsa per tramite della ristampa di 12 litografie tratte da un album realizzato dallo stesso Gaspare Fossati su commissione del sultano Abdul Medjid e che venne pubblicato a Londra per i tipi della “Colnaghi”. Esposizione curata e progettata da Caterina Hörtig, municipale di Morcote, in collaborazione con Sayako Hirakimoto e Nicolas Polli, entrambi architetti; testi a cura di Daniela Mondini; grafica a cura di Alberto Canepa; taglio formale del nastro con il discorso introduttivo di Daniela Mondini alla “Terrazza Belvedere” del parco; accesso alla “Casa araba” a partire dalle ore 18.30 e sino alle ore 20.00. Visite guidate gratuite anche lunedì 20 e martedì 21 giugno, ore 10.00-12.30. Già in programma una data anche in autunno: domenica 9 ottobre, al Municipio di Morcote, conferenza di Lucia Pedrini Stanga quale atto conclusivo della mostra alla “Casa araba” ovvero prima del trasferimento nel centro di Morcote. In immagine, Gaspare Fossati.

Previous articleA margine / Microconcerto di Blanco, l’ira dei “fan”. Ma se non c’è repertorio…
Next articleMelide si spacca sul porto: vincono i «sì», ma la corsa resta in salita