Home SPORT Filo di nota / Rossocrociazia in campo, e la lingua italiana… no

Filo di nota / Rossocrociazia in campo, e la lingua italiana… no

Alle partite ufficiali della Rossocrociazia pedatoria, purtroppo, dell’esistere la lingua italiana gli “speaker” tendono a dimenticarsi. Rilevato tal fatto, nell’assistere l’altr’ieri all’incontro Svizzera-Georgia in quel di San Gallo, Diego Erba coordinatore del “Forum per l’italiano in Svizzera” ha preso carta e penna e si è rivolto ai vertici dell’“Associazione svizzera football” esprimendo “delusione ed amarezza per il mancato rispetto della terza lingua nazionale”, dal momento che “tutti gli annunci sono stati effettuati in tedesco, in francese ed in inglese, (e) dell’italiano nessuna traccia”. Giusta e condivisibile, tale battaglia. A Diego Erba suggeriamo tuttavia di non insistere troppo: se la sua istanza venisse accolta, negli stadi potrebbe riecheggiare l’italiano che in casa Asf troviamo nei comunicati-stampa e sul pur miglioratissimo sito InterNet. Per carità