Home CRONACA Covid-19 in Ticino, si svuotano i reparti. 18 positivi in 24 ore

Covid-19 in Ticino, si svuotano i reparti. 18 positivi in 24 ore

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 11.49) Conta non poco, quell’unità in meno; non poco, perché le soluzioni giungono proprio dai piccoli numeri e, soprattutto, dall’approssimarsi di tali cifre allo zero, obiettivo che si vorrebbe essere di breve periodo ma per il cui raggiungimento servirà ancora tempo in alcuni àmbiti (le quarantene, ad esempio). Un posto-letto occupato in meno, ci dicono le statistiche nel transito da ieri all’alba di oggi, sul fronte covidiano in Ticino, e ciò per effetto di due dimissioni a fronte di un solo ricovero: 23 restano pertanto i degenti in strutture nosocomiali, e con un solo paziente tuttora astretto al reparto di terapie intensive. 18 i casi di positività riscontrati sulle 24 ore, per totali 4’776 nel contesto della terza ondata e 32’965 dall’inizio della pandemia. 199 i soggetti in isolamento, 370 quelli in quarantena a dati dell’altr’ieri; di giovedì, invece, l’indicazione pertinente al tasso di positività (due per cento) sul totale dei tamponi effettuati e sottoposti a controllo in laboratorio (554 nell’arco delle 24 ore). Fermo a quota 994 il computo ufficiale delle vittime.

Sull’aggiornamento alle ore 9.30 di venerdì (ultimo riscontro disponibile), queste le liste di attesa nei cinque centri vaccinali: Bellinzona quartiere Giubiasco (“Mercato coperto”, vaccino “Pfizer-BionTech”, appuntamenti asseritamente esauriti sino a domenica 6 giugno), 6’859 persone; Locarno (“Palazzetto Fevi”, vaccino “Moderna”, appuntamenti asseritamente esauriti sino a domenica 30 maggio), 2’116 persone; Lugano (“Padiglione Conza”, vaccino “Moderna”, appuntamenti asseritamente esauriti sino a domenica 30 maggio), 7’172 persone; Mendrisio (“Mercato coperto”, vaccino “Moderna”, appuntamenti asseritamente esauriti sino a domenica 30 maggio), 1’930 persone; Capriasca frazione Tesserete (“Centro protezione civile”, appuntamenti asseritamente esauriti sino a domenica 30 maggio), 911 persone. A tutto mercoledì 19 maggio, le dosi somministrate risultano essere 184’589 ed il 18.0 per cento della popolazione – un individuo ogni 5.5 circa – è giunto al termine del trattamento (doppia dose).

Articolo precedenteScuole pubbliche, esaurite le quarantene di classe. E così sia
Articolo successivoAlgerischer Autodieb kurz nach Diebstahl festgenommen