Home GRIGIONI ITALIANO Caccia di frodo nella zona di Brusio, denunciati tre poschiavini

Caccia di frodo nella zona di Brusio, denunciati tre poschiavini

Denuncia al ministero pubblico dei Grigioni per tre uomini, tutti residenti a Poschiavo, raggiunti a domicilio nella notte di Natale da agenti della Polcantonale e da operatori dell’Amministrazione federale dogane, unitamente al guardacaccia, sul sospetto di un’azione di bracconaggio ossia caccia di frodo commessa poco prima in territorio comunale di Brusio. Sospetto, è il caso di dirlo, immediatamente confermato dalla congruità in evidenza tra quanto le forze dell’ordine hanno trovato, cioè la carcassa di un cervo coronato ed appena ucciso, e ciò che un testimone casuale aveva riferito via telefono intorno alle ore 22.30 circa, avendo l’uomo visto tre soggetti che stavano procedendo al caricamento del corpo di un ungulato a bordo di una vettura. E non è tutto: nel corso degli accertamenti esperiti, i tre uomini – si tratta di un 30enne, di un 61enne e di un 29enne figlio del 61enne – hanno ammesso di aver colpito a morte altri due cervi nel periodo compreso tra dicembre 2020 e marzo 2021, vale a dire fuori dal regolare periodo di caccia; è emerso inoltre il fatto che, nel periodo di caccia bassa ad ottobre scorso, uno degli uomini si era reso responsabile dell’abbattimento di una poiana, animale sotto protezione di specie. In immagine, l’esemplare di cervo coronato abbattuto nella notte di Natale.

Articolo precedenteCovid-19, cifre mai viste in Ticino: oltre 1’000 contagiati in 24 ore
Articolo successivoLampenberg: Polizei verhaftet bewaffneten 23-Jährigen