Home CRONACA “Coronavirus”, la morsa non si allenta. Ma le scuole “respirano”

“Coronavirus”, la morsa non si allenta. Ma le scuole “respirano”

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 22.15) Pesa come un macigno, l’unica e 954.a vittima da “Coronavirus” in Ticino, nel transito da ieri all’alba di oggi; pesa per il lutto in sé, pesa per l’evidenza del non esservi una via di uscita se non nel vaccino. E non è questa l’unica cattiva notizia nello scenario della lotta quotidiana alla pandemia: si confermano a quota 14 i pazienti sottoposti a terapia intensiva, salgono a 74 gi ospiti in strutture nosocomiali del Cantone, quattro gli ingressi, due i fogli di dimissioni; 54 i nuovi casi, per effettivi 27’752 contagiati. Resta fissa al sette per cento, su evidenze della giornata di ieri, l’incidenza dei positivi sul totale dei tamponi – nella fattispecie, 535 – effettuati e sottoposti a controllo in laboratorio nell’arco di 24 ore. Nuovi riscontri, in verifica sulla giornata odierna, per quanto riguarda i soggetti sottoposti a quarantena (282) e quelli in isolamento (463). Nessuna variazione rispetto al conosciuto triplo zero nel sistema delle strutture residenziali per anziani. Per quanto pertinente sia al ciclo scolastico dell’obbligo sia a quello del post-obbligo, azzerate le quarantene di classe e/o di istituto.