Home ECONOMIA Borse in sprofondo: Europa a picco, bancari da “panic selling” a Zurigo,...

Borse in sprofondo: Europa a picco, bancari da “panic selling” a Zurigo, Wall Street nel baratro

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 23.41) Nessuna luce, da un capo all’altro del mondo. Sulla scia delle pessime “performance” registrate sulle piazze asiatiche, giornata campale nelle Borse europee con propagazione virale (è il caso di precisare: isteria sotto effetto del crollo del prezzo del greggio, e stavolta solo in misura per rischi da Covid-12) anche a New York, dove i numeri somigliano assai a quelli dei giorni dello scandalo “Lehman brothers”. Nessun appiglio, nessun parametro, nessuna rispondenza alla logica; timori su timori, tanto da contagiare anche le piazze su cui per solito l’elemento di rischio si manifesta in forma attenuata. Per quanto riguarda Zurigo, “Swiss market index” al saldo in perdita nella misura del 5.55 per cento a quota 9’196.60, ed incredibilmente ancora con margine di 136 punti circa rispetto al minimo in apertura; listino tutto in rosso intenso, scarto di oltre 2’000 punti dal massimo storico di soli 17 giorni or sono. Drammatica la sbandata dei finanziari, autentici affossatori fra le “blue chip”: “Credit Suisse group Ag” in coda (meno 12.86 per cento), “Ubs group Ag” di poco migliore (meno 10.42), con un totale di quasi 99 milioni di pezzi scambiati; non migliore la situazione sul versante degli assicurativi; “Nestlé Sa” e “Novartis Ag” i meno penalizzati (meno 3.14 e meno 4.07 per cento). Pur in simile contesto, una trentina i titoli sopra la linea nell’allargato. Dalle altre sedi di contrattazione: Dax-30 a Francoforte, meno 7.94; Ftse-Mib a Milano, meno 11.17; Ftse-100 a Londra, meno 7.69; Cac-40 a Parigi, meno 8.39; Ibex-35 a Madrid, meno 7.96. Senza esito un paio di tentativi di risalita a Wall Street: al momento, Nasdaq sul “meno 7,29” per cento, “Dow Jones” sul “meno 7.79”, S&P-500 sul “meno 7.60”. In ascesa a 106,1 centesimi di franco il cambio per un euro.