Home ECONOMIA Reazione dei bancari, “Swiss market index” in ascesa. New York stesa dall’inflazione

Reazione dei bancari, “Swiss market index” in ascesa. New York stesa dall’inflazione

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 19.37) Spezza la tendenza negativa accusata ieri su quasi tutto il listino primario, la Borsa di Zurigo, nella terza di sole quattro sedute settimanali (domani attività ferma per la festività dell’Ascensione). Sprazzo di luce per i finanziari: sul podio sia “Credit Suisse group Ag” (più 1.81 per cento, dopo fase nelle zone basse) sia “Ubs group Ag” (più 1.28); buon interesse verso “Novartis Ag” (più 1.43 per cento); in retroguardia “Partners group Ag” (meno 1.87); “Swiss market index” ad 11’033.90 punti (più 0.41 per cento). Vari i motivi di interesse nell’allargato: alla riapertura delle contrattazioni, possibili affari sul breve. Dalle altre piazze europee: Dax-30 a Francoforte, più 0.20; Ftse-Mib a Milano, più 0.23; Ftse-100 a Londra, più 0.82; Cac-40 a Parigi, più 0.19; Ibex-35 a Madrid, più 0.23. Ventate di freddo polare su New York: complici la netta crescita dell’inflazione e le preoccupazioni per l’improvviso riesplodere dell’aggressione allo Stato di Israele, in rosso tutti gli indici (Nasdaq, meno 2.22; S&P-500, meno 1.70; “Dow Jones”, meno 1.38. In riallocazione a 109.7 centesimi di franco il cambio per un euro; dollaro Usa sui 90.81 centesimi di franco; movimento al ribasso sui 49’895 franchi per un bitcoin.