Home CRONACA Sospetta coercizione di una donna, rilasciato il prorettore di Teologia

Sospetta coercizione di una donna, rilasciato il prorettore di Teologia

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 21.08) In uscita nella prima serata di oggi dal cancello della “Farera”, su disposizione del giudice dei provvedimenti coercitivi, l’anziano sacerdote che era stato tratto in arresto tre giorni addietro con addebiti che vanno dalle lesioni semplici (per condotta omissiva) alla coazione al sequestro di persona, e ciò con riferimento ad una 48enne cittadina finlandese che per lungo tempo sarebbe stata sua “ospite” in un appartamento al Borghetto di Lugano, in prossimità della cattedrale titolata a san Lorenzo. Il presbitero, don Azzolino Chiappini, 80 anni, noto anche in quanto ex-arciprete di Lugano e docente e prorettore alla facoltà di Teologia, avrebbe respinto ogni addebito e rimarrà a piede libero nel periodo necessario per altri e “numerosi atti istruttori già predisposti ed ancora da svolgersi”, come indicano fonti del ministero pubblico. Il “dossier” di inchiesta è nelle mani della procuratrice pubblica Pamela Pedretti.