Home SVIZZERA Votazioni federali: respinto senza perdite l’assalto alla diligenza

Votazioni federali: respinto senza perdite l’assalto alla diligenza

Area rosso-verde in rotta sull’esito della votazione federale di ieri in materia di incremento della tassazione sui capitali, tema della cosiddetta “Iniziativa 99 per cento” messa in campo sotto le insegne della “Gioventù socialista”: il testo, percepito come vero e proprio assalto alla diligenza e peraltro privo di una “ratio” strategica, è stato affossato nei 20 Cantoni e nei sei Semicantoni con un totale di 1’823’056 “no” contro 986’901 “sì”, ovvero 64.9 per cento contro 35.1 per cento. Scarto pari a 31 punti, ovvero 15.5 sulla mediana, in Ticino: 67’270 “no”, 35’337 “sì”, ovvero 65.5 per cento contro 34.5 per cento. Stupefacente la reazione dei vertici della “Gioventù socialista”, che per voce del vicepresidente Thomas Bruchez preannunciano una nuova iniziativa in forza della quale nessun capitale privato potrebbe più superare i 100 milioni di franchi, con automatica depredazione della quota eccedente per vaghe finalità ecologiche.

Articolo precedenteVotazioni federali: passa il “matrimonio per tutti”, Ticino spaccato
Articolo successivoComunali complementari, Vernate sceglie di non cambiare rotta