Home CONFINE Maltempo, Alto Varesotto sotto sferza: seri danni sino al capoluogo

Maltempo, Alto Varesotto sotto sferza: seri danni sino al capoluogo

(ULTIMO AGGIORNAMENTO E RIEPILOGO, ORE 23.44) Lugano, Mendrisiotto e Malcantone, pur nella gravità dei problemi riscontrati, sono stati soltanto la propaggine del maltempo che per l’intera giornata ha infuriato in una sacca a ridosso delle Prealpi nord-occidentali, colpendo in misura massiccia – e con serie conseguenze – Varese e l’Alto Varesotto. Anche qui, nel volgere di cinque-sei ore e con differenze di modesto conto fra localitò, pioggia battente e rilevata fra i 110 ed i 160 millimetri il metro quadrato; flagellata la dorsale del Ceresio in ascesa da Lavena-Ponte Tresa, dove una porzione di territorio comunale a ridosso del confine con Ponte Tresa è finita sott’acqua a causa dello straripamento del Dovrana. Chiuso temporaneamente il ponte principale di connessione fra Germignaga e Luino (Strada statale numero 394, quella che porta alla frontiera sul Gambarogno in frazione Dirinella), in corrispondenza della strada che dalla caserma dei Vigili del fuoco porta verso un noto supermercato, sull’ingrossamento del Margorabbia le cui acque erano giunte a lambire il colmo degli argini; analogo provvedimento è stato adottato lungo la Strada provinciale numero 69, in prossimità di Laveno Mombello per quanti provengano da Castelveccana, causa caduta di detriti dalla parete rocciosa sovrastante la carreggiata (le reti paramassi hanno trattenuto solo parte dei frammenti).

Innumerevoli, lungo la Valcuvia e lungo la Valganna e sino a Gavirate ed al capoluogo, le comunicazioni circa smottamenti, frane ed interruzione dei servizi (rilevante il blocco sulla tratta ferroviaria Luino-Milano, sezione compresa fra la stazione di Laveno Mombello e quella di Barasso-Comerio); particolarmente sollecitate le sedi di comando dei Vigili del fuoco; una quindicina almeno, stando a prime evidenze, le persone messe in salvo previo sgombero dalle abitazioni sotto minaccia di acqua, fango e detriti. In immagine, uno degli interventi compiuti dai Vigili del fuoco per mettere in salvo le famiglie rimaste bloccate in casa a causa dell’improvviso allagamento di ampie superfici tra Luino, Lavena-Ponte Tresa e Laveno Mombello.