Home REGIONI Psichiatria sociale, a Bellinzona il congresso della “Società svizzera”

Psichiatria sociale, a Bellinzona il congresso della “Società svizzera”

Nel tempo in cui il rinvio di eventi e manifestazioni è purtroppo un obbligo, c’è chi guarda con fiducia al domani e progetta eventi. Uno, e si confida che per quel tempo sia definitivamente alle spalle ogni tensione data dall’epidemia covidiana, porterà a Castelgrande di Bellinzona decine e decine di professionisti da tutto il Paese, trattandosi del congresso nazionale della “Società svizzera di psichiatria sociale”: venerdì 27 novembre l’appuntamento, tema “Quale psichiatria per quale futuro?”. Come indica Amos Miozzari, presidente della Sezione Svizzera italiana, “relatori di diverse discipline e dalla diversa estrazione ci aiuteranno ad aprire gli orizzonti, con uno sguardo anche critico, sulla nostra pratica clinica, sugli approcci e sui metodi di cura”. Ampio il tracciato della giornata formativa, che sarà articolata tra conferenze e seminari, “sempre sotto ispirazione degli ideali della psichiatria sociale che promuove interdisciplinarietà e multiculturalità”. In immagine, Amos Miozzari.