Home CULTURA Il classico “reinterpretato”, quattro opere in prestito al “Max museo”

Il classico “reinterpretato”, quattro opere in prestito al “Max museo”

Quattro i pezzi giunti nei giorni scorsi al “Max museo” di Chiasso (viale Dante Alighieri 6) quale contributo supplementare ossia in corso d’opera alla mostra “La reinterpretazione del classico: dal rilievo alla veduta romantica nella grafica storica”, evento in essere sino a domenica 12 settembre. Grazie alla collaborazione dei vertici del “Museo archeologico nazionale-Mann” di Napoli, con cui è da tempo in corso una solida collaborazione, in disponibilità una coppia di candelabri risalenti al 1784 circa (produzione della bottega di Giovanni Battista Piranesi), una testa di atleta ispirata a modelli del quinto secolo avanti Cristo e una testa di Apollo. Nella foto, la delicata operazione di “accoglienza” dei nuovi arrivi; altre immagini sulla nostra pagina “Facebook”.