Home SPORT Hockey Wl / Il fascino del mondo “pro”: anche Ronja Mogren lascia...

Hockey Wl / Il fascino del mondo “pro”: anche Ronja Mogren lascia Lugano

0

Lugano hockey, sponda Ladies, di nuovo trampolino di lancio verso il mondo del professionismo nordamericano: in partenza anche Ronja Mogren, 21enne svedese da Sundsvall, 170 centimetri per 67 chilogrammi, prima formazione all’Husum indi nella filiera del MoDo Örnsköldsvik, in massima serie nazionale sin dal torneo 2017-2018 e passata dal MoDo Örnsköldsvik all’Hv71 Jönköping nell’annata precedente all’approdo sulle rive del Ceresio; destinazione la Premier hockey federation (Phf), già Nwhl, con la maglia delle Minnesota Whitecaps guidate alla transenna da Ronda Curtin Engelhardt, macchina da guerra ai tempi sia della “high school” (137 punti in 30 incontri dell’ultima stagione) sia nel quadriennio in maglia Golden Gophers all’Università del Minnesota (Ncaa-1, 167 punti in 147 presenze). Proprio da Ronda Curtin Engelhardt, al quarto campionato in timoneria delle Minnesota Whitecaps dopo quattro anni da assistente delle Tommies all’Università di Saint Thomas (al tempo in Ncaa-3, ora in Ncaa-1: è il “college” nelle file della cui squadra milita ora la ticinese Nicole Vallario) e cinque da allenatrice alla Breck School, per Ronja Mogren sono giunte parole di elogio: “È giovane, ha già accumulato esperienza, viene da campionati impegnativi, porta con sé un ottimo fisico; in più, qui da noi avrà modo di affinare tecnica e gioco”.

A Lugano, nella gestione di Benjamin Rogger allenatore (annata agonistica 2021-2022), l’“ala bipenne” – gioca a sinistra ed a destra senza sostanziale differenza di rendimento – ha prodotto 24 goal e 21 assist in 30 partite di campionato, più cinque goal e sette assist in quattro presenze nella Coppa nazionale vinta per l’appunto dalle luganesi. A quanto pare, ben pochi argomenti avrebbero potuto trattenere Ronja Mogren in Ticino: sulla decisione di passare nel mondo delle “pro” nordamericane hanno influito l’interesse della dirigenza delle Minnesota Whitecaps, la disponibilità di un posto nel “roster”, l’opportunità di emergere al massimo livello già in età di non compiuta formazione agonistica e, aspetto non trascurabile, la presenza di alcuni lontani parenti emigrati dalla Svezia proprio nel Minnesota. A corollario, la sicura raccomandazione formulata da Sidney Morin, 27enne statunitense (anche con passaporto canadese) da Minnetonka nel Minnesota, compagna di Ronja Mogren sia all’Hv71 Jönköping nel torneo 2020-2021 sia alle Ladies Lugano nel torneo 2021-2022 e sin da maggio sotto contratto con le stesse Minnesota Whitecaps; sarà da vedersi, a questo punto, se entrambe le giocatrici continueranno a garantire un rendimento uguale o almeno simile a quello offerto nell’unica loro stagione elvetica (per completezza, le statistiche di Sidney Morin: 25 goal e 41 assist in 30 incontri di campionato più quattro goal e quattro assist in Coppa nazionale). Auguri ad entrambe, e sappiano di aver lasciato qui un’ottima impressione e molti amici. In immagine, a sinistra Ronja Mogren, a destra Sidney Morin.

Previous articleHockey Terza lega / Anche Juraj Franko nello “staff” del Chiasso
Next articleSomma Lombardo (Varese): fuori pericolo 23enne sbalzata dalla sella