Home SPORT Hockey Sl / La difesa tiene meglio, ma non basta: Rockets ancora...

Hockey Sl / La difesa tiene meglio, ma non basta: Rockets ancora kappaò

10.o giro a vuoto su un totale di 13 partite disputate, e senza che sia mai giunta una vittoria entro i 60 minuti regolari, stasera per i BiascaTicino Rockets che restano alla piazza d’onore nell’hockey cadetto “degli altri”, vale a dire la micrograduatoria a disputarsi la quale sono solo il Winterthur, l’AccademiaZugo e gli stessi vallerani, in gruppetto più che doppiato persino dall’ottava nella classifica “ufficiale”. Non tutto da buttarsi via nel confronto interno con il Turgovia, che viaggia in quinta posizione pur con “record” appena sopra la parità, e tanto ci sta raccontando la stagione regolare ancorata in realtà sulla competizione fra tre sole squadre più eventuali “outsider”; ad esempio, che lo scarto fra tiri effettuati e tiri subiti è sceso a 20 unità, 17 contro 37 (era stato pari a 27 unità nell’1-2 dell’altr’ieri con l’Olten); sempre ad esempio, che la difesa ha incassato soli cinque goal negli ultimi 120 minuti, contro una media di quasi cinque a partita; questo insieme con alcune conferme, tipo l’impalpabilità di François Beauchemin utilizzato per 18.52 con esito pari a due conclusioni ed a saldo negativo nel “plus-minus” personale, dal che si desume che una bravissima persona rischia di lasciare pessimo ricordo di sé. La successione delle reti: 7.47, Dominic Hobi, 0-1; 8.57, Patrick Spannring, 0-2; 32.03, Ian Derungs, 0-3 (a cinque-contro-quattro).

I risultati – BiascaTicino Rockets-Turgovia 0-3; Kloten-LaChauxdeFonds 4-0; Visp-Langenthal 3-2; Grasshoppers Lions ZurigoKüsnacht-AccademiaZugo 5-3; Winterthur-Sierre 4-5 (ai rigori).

La classifica – Olten 34 punti; Kloten 33; LaChauxdeFonds 28; Visp 22; Turgovia 21; Sierre 20; Grasshoppers Lions ZurigoKüsnacht 18; Langenthal 17; Winterthur 8; BiascaTicino Rockets 6; AccademiaZugo 3 (Visp, Grasshoppers Lions ZurigoKüsnacht, AccademiaZugo una partita in meno).

Articolo precedenteHockey Nl / Ticino quasi al palo. Capolista fermata dopo 10 vittorie
Articolo successivoNel cuore del “Lac” un percorso fiabesco in toni da… passeggiata