Home POLITICA Futuro Comune di Tresa, voto (costitutivo) differito all’autunno 2020

Futuro Comune di Tresa, voto (costitutivo) differito all’autunno 2020

Quattro realtà territoriali in meno, e sono quelli di Croglio, Monteggio, Ponte Tresa e Sessa, nel novero degli enti in cui si andrà al voto domenica 5 aprile 2020, giorno della tornata effettiva per le Comunali. In seno al Consiglio di Stato la decisione di procedere al rinvio di tale appuntamento alle urne sino a quando il decreto di aggregazione nel nuovo Comune di Tresa sarà cresciuta in giudicato, con tempi al momento non strettamente stimabili ma considerati incompatibili con le esigenze di consolidamento delle basi organizzative. Del medesimo avviso erano state le autorità municipali dei singoli Comuni sulla scorta dell’aggregazione effettivamente approvata in Gran Consiglio a metà ottobre; tenendosi conto dei vari aspetti in essere, procrastinazione ad autunno con ipotesi (altamente probabile, e da darsi anzi come valida sempre fatta salva la crescita in giudicato del decreto di aggregazione) a domenica 18 ottobre per Municipio e Consiglio comunale ed a domenica 15 novembre per la poltrona di sindaco. Da ciò consegue che gli organi amministrativi presenti nei singoli Comuni resteranno operativi, per l’appunto, almeno sino ad ottobre.