Home CRONACA “Centro sportivo gioventù”, prima pietra per il complesso natatorio

“Centro sportivo gioventù”, prima pietra per il complesso natatorio

87
0

Meteo inclemente, quasi che acqua chiami acqua, per l’odierna posa della prima pietra – in realtà, gli scavi e le opere preliminari hanno avuto inizio nell’autunno dello scorso anno – al complesso natatorio progettato e programmato in seno al “Centro sportivo nazionale della gioventù” di Tenero-Contra frazione Tenero, struttura destinata a prendere il posto di unità esterne preesistenti (piscina su sviluppo di 50 metri, una vasca per i tuffi, una vasca per non nuotatori, un edificio per spogliatoi) ed a fine ciclo di vita, investimento con copertura da 91.8 milioni di franchi secondo credito approvato in sede di Camere federali alla fine del 2021.

Elemento centrale del complesso sarà la piscina coperta, “focus” della prima fase dei lavori con dotazione di vasca olimpica (a fondo mobile), vasca per tuffi, canale di nuoto, due vasche per l’idromassaggio, una vasca per l’acqua ghiacciata, un’area per il recupero e per l’allenamento fuori vasca, spogliatoi ed infine spazio per la diagnostica delle prestazioni e per le analisi; consegna dell’opera prevista per la metà del 2027. In un secondo tempo verrà realizzata la nuova piscina esterna, di fatto con sostituzione dell’impianto esistente e con l’innesto di una zona di atterraggio per lo sci “freestyle”; in questo caso l’ultimazione degli interventi è a programma per il 2029.

Alla cerimonia di posa della prima pietra prenderanno parte funzionari e dirigenti dei vari enti coinvolti, autorità cantonali e lo sportivo Noè Ponti, autentico e naturale “testimonial” del territorio con un “palmarès” (all’età di nemmeno 23 anni…) di tre ori ed un argento agli Europei in vasca corta, un oro agli Europei giovanili, un argento agli Europei, due argenti ed un bronzo ai Mondiali in vasca corta ed un bronzo alle Olimpiadi.