Home CONFINE Malpensa, contrabbandiere scornato: tra i “Patek” anche una… patacca

Malpensa, contrabbandiere scornato: tra i “Patek” anche una… patacca

373
0

Del rischio che correva era di sicuro consapevole; gli sarà però cascata la mandibola sino almeno allo sterno quando, tra le contestazioni mossegli da un ufficiale della Guardia italiana di finanza, gli è stato fatto notare che uno dei 12 orologi di gran marca da lui trasportati senza dichiarazione congrua – e, dunque, in violazione delle norme fiscali – era falso, e che dunque almeno in quel caso l’operazione si era rivelata come duplice danno. Pessima da ogni punto di vista, insomma, la giornata di un cittadino giapponese che giorni addietro, all’aeroporto della Malpensa (Varese) dove stava giungendo con un volo da Tokyo via Ankara, è stato intercettato ed invitato a mostare il contenuto di una valigetta: “Regali per un amico qui”, la spiegazione addotta; “Regali un po’ al di fuori delle regole”, avranno replicato gli addetti alla verifica, constatando la presenza di sette “Rolex” modello “Daytona” dai prezzi oscillanti fra i 5’900 ed i 78’600 euro secondo la tipologia, due “Patek Philippe” da 45’000 euro, un “Richard Mille” da 175’000 euro ed un “Audemars Piguet” da 275’000 euro, tutte cifre arrotondate ché andandosi al saldo reale consta una stima di controvalore pari ad 811.254 euro. Esito: sugli 11 pezzi veri, uomo denunciato per contrabbando; per il pezzo falso, uomo denunciato per contraffazione…