Home CRONACA Covid-19 in Ticino, linea spezzata: risalgono ricoveri e contagiati

Covid-19 in Ticino, linea spezzata: risalgono ricoveri e contagiati

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 10.55) Non buone notizie, o perlomeno non le notizie che era lecito aspettarsi stante la tendenza manifestatasi per parecchi giorni di fila, dal fronte ticinese della lotta al “Coronavirus”: pur in assenza di altre vittime (995 quelle registrate dall’inizio della pandemia, 37 i morti nel contesto della terza ondata ovvero da venerdì 5 marzo, data assunta quale punto teorico di cesura), tornano a salire i ricoveri in strutture nosocomiali, due gli ingressi nelle ultime 24 ore contro nessun foglio di dimissioni firmato, tre pertanto i degenti registrati stamane (nessun paziente in reparto di terapie intensive). Si impennano, ma potrebbe anche trattarsi di una mera compensazione aritmetica su dati non pervenuti o non aggregati nei giorni scorsi, anche i nuovi casi: nove quelli acquisiti alle statistiche, per effettivi 4’999 positivi nella terza fase e 33’188 dalla terza decade di febbraio 2020, tempo del primo contagio accertato. Nessuna nuova quarantena di classe e/o di istituto per quanto riguarda il sistema dell’istruzione pubblica (421 sezioni di scuola dell’infanzia, 803 sezioni di scuola elementare, 607 sezioni di scuola media, 1’159 sezioni di scuole post-obbligatorie cantonali): lista pertanto vuota per il secondo giorno consecutivo. Valori a zero anche nel mondo delle residenze per anziani (68 strutture): niente ricoveri, niente nuovi contagiati, niente contagi residui, niente decessi. Nessuna indicazione disponibile circa i soggetti in isolamento ed in quarantena. Fermi a domenica 13 giugno la quota dei vaccinati “completi” (32.4 per cento), il numero dei vaccinati “completi” (113’798) ed il numero delle dosi somministrate (273’710).

Articolo precedenteMonte Ceneri, da un’esercitazione militare il rogo del “Monna Lisa”
Articolo successivoVaccinazioni anti-“Coronavirus”, meno di 19’000 in lista di attesa