Home ECONOMIA “Blockchain” come… necessità. E al “Copernicus” fanno progetti

“Blockchain” come… necessità. E al “Copernicus” fanno progetti

Sotto l’egida del “Gruppo Copernicus”, operante dal Ticino con riferimento primario a clientela privata ad alto patrimonio netto, il recente convegno ospitato dagli ambienti della “BancaStato” in Bellinzona e legato al tema “Blockchain thought leadership”. Ospiti principali, ed introdotti da Maggie Rokkum-Testi in nome della “Copernicus asset management”, due tra i maggiori esperti della tecnologia “blockchain”, ossia Jonathan Teo (nella foto), responsabile dell’innovazione alla “Blockchain investment advisory Llc”, e David Moss, fondatore e presidente del Consiglio di amministrazione della “Strongblock”; al centro dell’attenzione le origini della “blockchain” e la sua indispensabilità nel contesto finanziario (banche) ed in quello istituzionale (Governi). Fra gli altri temi, interesse per la proposta messa in campo da William Duplessie e da Stephen Duplessie – cofondatori rispettivamente della locale “Blockchain investment advisory Sagl” e della citata “Blockchain investment advisory Llc” – e che si traduce sotto la denominazione “Ticino labs project”: si tratta di un incubatore centrato solo su progetti legati alla tecnologia “blockchain” e da insediarsi in Ticino, ferma restando l’ambizione transfrontaliera data dall’interesse che questa traccia di lavoro sta riscontrando, come è stato sottolineato da Agostino Ferrazzini in qualità di presidente della “Copernicus holding Ag”. Sulla nostra pagina “Facebook” altre immagini della conferenza.