Home CRONACA A2, giornata di sofferenza in direzione nord. Non che non si sapesse…

A2, giornata di sofferenza in direzione nord. Non che non si sapesse…

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 18.23) Strano quanto il senso delle parole più comuni nella quotidianità (“lavoro”, “vacanze”, “caffè”, “auto”, “gatto” fra le circa 2’000 d’uso corrente nei dialoghi) venga frainteso laddove non se ne voglia percepire il valore elementare. Concetto che vale, oggi più che mai, per la parola “traffico” sulle labbra di quanti si siano lamentati dell’imbottigliamento lungo la A2, solita questione del San Gottardo da attraversarsi o da superarsi, ergo colonne ma nemmeno da sciagura millenaria. Evidenze da stato dell’arte per quella che era da lungi prevista come data con primo secondo terzo bollino di priorità: direzione nord, tra lo svincolo per Quinto e l’area di servizio “Stalvedro”, colonne per cinque chilometri e solita proporzione da 10 minuti il chilometro, ergo si calcolino 50 minuti con qualche beneficio; direzione nord, chiuso in ingresso lo svincolo di Airolo; massiccia presenza di veicoli e transito a passo rallentato a partire dall’intersezione A2-A394 di Mendrisio all’uscita per Monteceneri quartiere Rivera; direzione nord, sempre a Mendrisio, fresco incidente e blocco della corsia di marcia sulla sinistra. Nella foto, la situazione in corrispondenza dell’area di servizio “Stalvedro” alle ore 18.21.