Home SVIZZERA “Rinforzo anti-Covid” e più cure infermieristiche, «sì» federale (e ticinese)

“Rinforzo anti-Covid” e più cure infermieristiche, «sì» federale (e ticinese)

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 16.19) Ma via, era tutto scritto; nemmeno il tempo di arrivare all’apertura delle prime schede ed i giochi sono stati fatti, e non vi sarà (né vi è) granché da commentarsi. Niente “suspense” sui tre temi federali in votazione nel fine-settimana: in conferma di quanto si poneva nelle anticipazioni sulla media tra sondaggi ed “exit-poll”, il 61.1 per cento dei cittadini partecipanti si è espresso a favore delle variazioni apportate in corso d’opera alla “Legge Covid-19”; intorno al 60.8 per cento il consenso all’iniziativa sulle cure infermieristiche. Bocciatura a proporzione del 31.8 contro il 68.2 per cento per l’iniziativa sulla modifica – da proposta partitica a sorteggio – del metodo di elezione dei giudici federali. Sulle nuove norme Covid-19 il “no” maggioritario dei soli Cantoni Appenzello interno e Svitto; Appenzello interno si è ripetuto anche in materia di cure infermieristiche. I numeri del Ticino: norme Covid-19, 85’764 favorevoli e 45’526 contrari; iniziativa sulla giustizia, 46’225 favorevoli e 80’095 contrari; cure infermieristiche, 72’785 favorevoli e 56’891 contrari.

Articolo precedenteAurelio Galfetti e i suoi percorsi, incontro pubblico a Mendrisio
Articolo successivoDado tratto, scoglio superato: Lugano avrà il “Polo sportivo-eventi”