Home SPETTACOLI “Ticino in danza”, o del territorio che diventa palco

“Ticino in danza”, o del territorio che diventa palco

Ispirato all’improvviso ritorno di fiamma dei temi ambientalistici l’evento ecoculturale che, nel contesto della settima edizione di “Ticino in danza” (da venerdì 26 a domenica 28 luglio), sabato 27 luglio sarà proposto su un percorso di 12 chilometri tra Stabio e Riva San Vitale: una “dancewalk”, in traduzione approssimativa “camminata danzata”, come da progetto del coreografo ginevrino Frédéric Gafner in arte “Foofwa d’Imobilité”. Proposta: sperimentare la mobilità lenta rivalorizzando il piacere dello spostarsi a piedi, scoprendo nel frattempo la bellezza del territorio, e ciò per l’appunto muovendosi a fianco o sulla scia di un danzatore professionista (vedasi in immagine). Tappe di ristoro in vari punti del tracciato (“Centro ProSpecieRara” di Stabio frazione San Pietro, “Museo Vincenzo Vela” di Mendrisio frazione Ligornetto, area antistante la chiesetta titolata a san Martino in Mendrisio); rinfresco all’arrivo a Riva San Vitale, dove avrà luogo anche la presentazione di materiali sul Parco del Laveggio. Prenotazione obbligatoria, facoltà di utilizzo parziale di mezzi pubblici (treno e vettori della “Autopostale”) con titolo di trasporto incluso nella quota di iscrizione alla camminata.