Home CRONACA “Round table Svizzera”, la presidenza in mani ticinesi

“Round table Svizzera”, la presidenza in mani ticinesi

Oltre 300 i partecipanti, in rappresentanza di 14 nazioni tra cui ovviamente la Svizzera e con la partecipazione del “Ladies circle international”, all’assemblea annuale della “Round table Svizzera-Agm” organizzata ed ospitata in Ticino, fra giovedì 2 maggio e ieri, grazie all’impegno dei membri della “Round table 40” di Lugano. Più che soddisfacente il responso dato dagli ospiti e che completa un fine-settimana denso di novità, prima fra tutte l’elezione di Thomas Ghielmetti, per l’appunto membro della “Round table 40”, alla presidenza nazionale per l’anno sociale 2019-2020. Non solo: nel Consiglio direttivo svizzero, meglio noto come “Bureau national”, sono stati nominati altri quattro ticinesi ossia Luca Carbone (“Rt 40 Lugano”), Andrea Bergamaschi (“Rt 36 Locarno”), Alessandro Delorenzi (“Rt 26 Bellinzona”) ed il collega Angelo Chiello (“Rt 36 Locarno”).

Per l’asta benefica “Campioni di beneficenza”, con devoluzione del ricavato ad associazioni locali, alla “Round table 40” è stato inoltre assegnato il premio per la miglior azione sociale; un altro riconoscimento è giunto per il maggior impegno relazionale sviluppato, in accertamento degli oltre 30’000 chilometri percorsi in un anno di servizio per l’incontro con altre “Round table” in tutto il mondo e dunque a miglior testimonianza “dei valori e degli ideali sociali e di amicizia” che sono “cardini del nostro “club” di servizio”. Proprio ad una “Round table”, quella dello Sri Lanka che si è fatta promotrice dell’operazione denominata “The nation shall rise” a diretto sostegno delle famiglie colpite da attacchi terroristici, andranno le risorse raccolte durante gli eventi collaterali e connaturati all’assemblea, compreso l’evento di gala presentato da Diego Ricco ed alla quale è intervenuto Marco Borradori, sindaco di Lugano (in immagine, un momento della serata).