Home CRONACA Mendrisio, nella rete quattro trafficanti di esseri umani

Mendrisio, nella rete quattro trafficanti di esseri umani

Altro che “passatori”, come si usa ancora dire e come è ancora codificato: sono delinquenti che speculano sulla pelle delle persone, trasformando in bisogno il desiderio di queste ultime e facendosi pagare, tappa dopo tappa, per dar loro un passaggio. Quattro i criminali, tutti riconducibili alla categoria dei trafficanti di esseri umani, individuati, fermati e tratti in arresto intorno alle ore 6.52 di oggi lungo la A2, territorio comunale di Mendrisio ovvero in corrispondenza dell’abitato di Capolago, mentre in convoglio frammentato – tre i veicoli, tra questi un furgone – stavano effettuando il trasporto di 26 migranti di varie nazionalità, direzione nord, da stabilirsi l’effettiva destinazione mentre noto (l’Italia) è il punto di partenza del viaggio.

I membri del gruppo, tutti originari del Vicino oriente e con residenza in Belgio, età comprese fra i 27 ed i 35 anni, ignoravano in realtà di essere osservati e seguiti da vicino nel contesto di apposita operazione in cui sono stati impegnati numerosi effettivi delle Guardie di confine; stante la rilevanza dell’intervento ed ai fini del proseguimento dell’inchiesta, alle indagini sono stati invitati ad aggiungersi gli specialisti del “Gruppo interforze repressione passatori-Girp”, formato da agenti di Polcantonale, inquirenti della Fedpol ed uomini delle Guardie di confine ed operante nell’àmbito specifico. Come da informativa di fonte ministero pubblico (titolare del “dossier” è il capoprocuratore pubblico Arturo Garzoni, a carico di tutti e quattro i trafficanti valgono per il momento addebiti quali l’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stranieri (per aiuto all’entrata illegale), a scopi di lucro e commessa in banda. Stretto il riserbo sugli elementi primari acquisiti, sui referenti del gruppo, sui collegamenti a monte e a valle e sugli eventuali rapporti dei criminali con altre organizzazioni o a finanziamento delle medesime. Presi in carico i 26 migranti: in corso l’identificazione, a seguire i provvedimenti anche in funzione dell’accoglibilità di eventuali richieste di asilo.