Home CRONACA Lugano, violata l’area dell’ex-“Macello”: due individui in manette

Lugano, violata l’area dell’ex-“Macello”: due individui in manette

Due persone, a quanto pare riconducibili alla sedicente “area antagonista”, sono state identificate ed arrestate nel corso della notte in quanto responsabili della violazione dei sigilli a vincolo del sedime su cui insiste parte dell’ex-“Macello” di viale Cassarate 8 a Lugano, struttura già sede delle attività del “Centro sociale il Molino” e che nelle prime ore di domenica 30 maggio venne parzialmente demolita con intervento di ruspe su ordine dell’autorità municipale. Come già riferito ieri in cronaca, lo sfondamento delle transenne e l’abbattimento di una recinzione erano giunti al termine di una manifestazione originatasi fra piazza Della Riforma e piazza Alessandro Manzoni ed alla quale presero parte fra le 200 e le 350 persone secondo i diversi momenti (riunione a carattere assembleare, corteo sin sotto le finestre dell’abitazione di Marco Borradori sindaco di Lugano, traslazione sul lungolago e poi davanti al casinò, infine nuovo spostamento proprio all’ex-“Macello”); alcune decine le persone introdottesi illegalmente nell’area, che limitatamente a quanto occupato dalle macerie ed alle immediate pertinenze era stata posta sotto sequestro dall’autorità giudiziaria per esigenze di carattere istruttorio. L’întervento di effettivi della Polcantonale è stato sufficiente per neutralizzare le frange più violente; la posizione dei due soggetti messi in manette viene vagliata in queste ore, e verifiche vengono esperite anche su altri individui la cui identità è nel frattempo stata accertata. Da prevedersi atti istruttori anche nelle prossime ore.

Articolo precedente“Swiss market index” di slancio, bene il lusso. Prodigio “Santhera” nell’allargato
Articolo successivoLugano, inchiesta penale sulla demolizione dell’ex-“Macello”