Home CONFINE In frontiera con… troppa merce: denunciato 28enne colombiano

In frontiera con… troppa merce: denunciato 28enne colombiano

Oh, per carità: nessuno nega a nessuno il diritto di vestirsi come meglio gli aggradi, di calzare scarpe dal marchio celeberrimo e di andarsene in giro con timbri di case di moda – insomma, “griffato” – sparsi su tutto il corpo abbigliato. Un po’ più difficile il sostenere, come ha tentato di fare il conducente di un mezzo intercettato lunedì scorso al valico doganale di Clivio frazione San Pietro in uscita da Stabio frazione San Pietro, che capi di vestiario ed accessori con etichette “Kenzo”, “Barrow”, “Valentino”, “Saint Laurent”, “Dsquared2” e “Givenchy” per un peso complessivo di 437 chilogrammi (quattro-tre-sette) erano soltanto merce per… uso personale, da lui acquistati in Svizzera per una cifra inferiore a quanto consentito secondo i limiti di franchigia; il controvalore degli articoli trasportati all’interno di nove scatoloni e di una borsa, ed ora posti sotto sequestro al pari del veicolo, è stato stimato in oltre 71’000 euro. A carico del guidatore, un 28enne di cittadinanza colombiana, anche la denuncia.

Articolo precedenteControlli-“radar”, all’appello tanto tanto tanto Sopraceneri
Articolo successivoMeiringen (Kanton Bern): Mann bei Wohnungsbrand verstorben