Home CRONACA Case anziani, “Coronavirus” ancora mortale. Ma calano i contagiati

Case anziani, “Coronavirus” ancora mortale. Ma calano i contagiati

Tre vittime in più nel volgere delle 24 ore tra ieri e stamane, per un totale di 365 dall’inizio della pandemia covidiana, testimoniano una volta di più quanto, da un anno a questa parte, il “Coronavirus” continui a concorrere in modo spietato con i normali motivi di decesso quale nemico degli ospiti nelle residenze per anziani: proporzione di circa uno a 2.5, ossia i citati 365 morti contro i 1’009 definiti alla categoria “altre cause”, e con la preoccupante evidenza di altri due soggetti per i quali si è reso necessario il ricovero, analogamente a ciò che era avvenuto in altri 112 casi. Interessante il riscontro sul numero dei contagiati di cui è stata dichiarata la guarigione, ben 31, a fronte del manifestarsi di sei altre evidenze. Inspiegabilmente ancora 18 (su 68) le strutture in cui il morbo non è stato debellato.

Articolo precedenteHockey Nl / Fate vobis: Lugano mai in partita, Ambrì steso nel finale
Articolo successivoWarenrückruf: Überhöhter Vitamin-D-Gehalt in Trockefutter Chappi und Pedigree