Home CULTURA Arte oltre le guerre: a San Pietroburgo il “giardino” di Yuri Catania

Arte oltre le guerre: a San Pietroburgo il “giardino” di Yuri Catania

634
0

C’è anche chi, secondo giudizio proprio, crede che la cultura abbia diritto di non essere inglobata nelle contingenze di un pur aspro conflitto militare. E, meglio, c’è chi considera la parola data come data e non sopprimibile. Accade dunque che al “Museo Erarta” di San Pietroburgo – trattasi della più grande struttura privata, su territorio russo, per quanto riguarda l’arte contemporanea – sia stata confermata e sia in corso la mostra di 50 opere di un artista italiano ormai trapiantatosi da tempo in Ticino, nel segno del progetto fotografico titolato “Black flowers secret garden”, autore Yuri Catania. Immagini a grandi dimensioni, collocazione nella sala principale del complesso (che si articola su cinque piani e nel quale vengono proposti ogni anno circa 40 eventi); come spiega lo stesso Yuri Catania dal suo studio in Val Mara frazione Rovio, l’esposizione è segno della “speranza di portare di nuovo la bellezza, la pace e l’amore in un Paese dove chi è rimasto, ora, non vive più la normalità”. La mostra è curata da Olga Daniele; apertura sino a domenica 28 maggio. In immagine, il “Museo Erarta” di San Pietroburgo.

Previous articleVal Mara, ultime ore per candidarsi alle Commissioni di quartiere
Next articleTiro sportivo / Pistola aria compressa a 10 metri, bleniesi dominanti