Home CRONACA 220 metri nel vuoto, stroncate sul Susten le vite di due ticinesi

220 metri nel vuoto, stroncate sul Susten le vite di due ticinesi

0

Due ticinesi, 57 e 51 anni rispettivamente, hanno perso la vita ieri pomeriggio nel Canton Uri sullo schianto del loro veicolo in fondo ad un dirupo a fianco della strada del Passo del Susten, in territorio comunale di Realp, località Räss Egg. Drammatica la scena presentatasi agli occhi dei soccorritori: il mezzo, che si stava muovendo in direzione di Wassen, è stato rilevato ad un dislivello di 220 metri circa rispetto al piano stradale, ridotto a carcassa causa ripetuti urti e ribaltamenti sulle rocce. Sulla scorta di una prima ricostruzione, non vi è coinvolgimento di altri mezzi; per cause al momento ignote, il veicolo avrebbe dunque perso contatto con la carreggiata e sfondato un “guard-rail” prima del tuffo mortale.

Guidatore e passeggero, che a prime prove risultano essere stati sbalzati fuori dall’abitacolo, appartenevano all’“Associazione ticinese truppe motorizzate” (Attm), sezione della “Federazione svizzera truppe di trasporto militare”: si tratta di una struttura composta da conducenti che forniscono servizi sussidiari in logistica all’Esercito previa formazione sotto egida delle forze armate. L’incidente ha avuto per l’appunto luogo durante un trasferimento – di “tragitto di addestramento” ha parlato Daniel Reist, portavoce dell’Esercito – con veicolo militare ma in questo caso utilizzato per scopi civili. Imponente la macchina dei soccorsi mobilitatasi a corpo intero già sulle prime informazioni riguardanti l’incidente: pattuglie della Polcantonale Uri, un equipaggio con elicottero della “Rega”, psicologi e personale del “CareTeam” urano, squadre dei Pompieri Wassen, specialisti dei vari uffici cantonali preposti (ambiente, costruzioni ed altri) e, in ultimo, operatori di una società di servizi funerari.

Previous articleVisp (Kanton Wallis): 83-jähriger Richard S. aus Altersheim verschwunden
Next articleMilitärlastwagen stürzt am Sustenpass 220 Meter ab: zwei Tessiner gestorben