Home CULTURA Morte e dintorni, a Lugano un incontro-dibattito con il “Gas”

Morte e dintorni, a Lugano un incontro-dibattito con il “Gas”

0

Dicono, gli amici del “Gas” organizzatori dell’incontro, che è un tema con il quale in Occidente “non siamo proprio in grado di fare i conti”, e che il suo stesso nome “evoca angoscia”. Forse non in quanti confidano in un Aldilà, ecco, ed a tal proposito valga l’immagine GdT proveniente da Cevio; ma anche al credente, insomma, il distacco dalle cose terrene sostanzialmente dispiace. E si vuol poi vedere chi sia realmente disposto a soffermarsi per una sera – e vale la pena il farlo – a parlare della morte in quanto tale e dei timori che essa evoca, dei modi per affrontarla, e dell’empatia umana (perché sì, si va all’altro mondo e si viaggia in solitaria; potrebbe tuttavia non dispiacere il salire su quell’ultimo bus con il saluto estremo di una persona che ti manifesti attenzione): valga ciò e dunque quale invito allo “Spazio 1929” di via Antonio Ciseri 3 in Lugano, alla data di mercoledì 2 ottobre, per una serena discussione sul momento dell’addio. Senza giri di parole il titolo scelto, cioè “La morte in faccia”, per un dibattito non convenzionale tra e con persone che provengono da esperienze diverse ma tutte legate dall’essere state a stretto contatto con la vecchiaia e con la morte: Marco Belcastro, cantautore; Alessandra Rocca, ausiliaria di cura; Loredana Odone, medico psichiatra; Lorenzo Alberto Pool, collaboratore dell’organizzazione “Dignitas”. Impossibile sarebbe stato l’offrire uno spettro completo di interlocutori in materia; si consideri questo, tuttavia, come un punto di partenza, perché nella serata entreranno racconti, testimonianze, storie e, per quanto possibile, risposte agli interrogativi da proporsi liberamente. Inizio ore 20.00.

Previous articleBastardi inside / Chi sale, chi scende, ed è tutto in color verde
Next article“Adria airways” tra ansie e rassegnazione: Lugano resta senza voli