Home GRIGIONI ITALIANO “Centro Polstrada” al San Bernardino, nuova sede su progetto ticinese

“Centro Polstrada” al San Bernardino, nuova sede su progetto ticinese

Ammonta a sette milioni di franchi l’entità degli investimenti che porterà alla valorizzazione ed alla trasformazione dell’odierno “Centro Polstrada” al San Bernardino, territorio comunale di Mesocco (Canton Grigioni), in un vero e proprio “centro di appoggio” rispondente a nuove e future esigenze. Vincitore del concorso – 15 i progetti presentati – è stato lo “Studio di architettura Lukas Meyer Ira Piattini” di Lamone (Canton Ticino), cui spetteranno dunque gli interventi di ristrutturazione e di ampliamento da concludersi nello spazio di 18 mesi e da consegnarsi in tempo per la reinaugurazione fissata all’estate 2021, ovvero a distanza di 49 anni dall’edificazione della presente struttura (del 1967 era stata invece l’apertura della galleria autostradale al San Bernardino) e di 33 anni dall’apporto di migliorie con risanamento del tetto, delle finestre e delle facciate. Elementi rilevanti: nuovo edificio in aggiunta al preesistente; costruzione di una nuova rimessa per i veicoli di grandi dimensioni (Polstrada); realizzazione di una torre con locale tecnico integrato (soprattutto per la rete radio nazionale di sicurezza “Polycom”). Altri aspetti: impianto di riscaldamento a “pellet”, facciate con rivestimento in legno svizzero, accesso privo di barriere architettoniche. Nel corso dei lavori gli agenti del “Centro Polstrada” al San Bernardino e la condotta della Regione Mesolcina faranno riferimento al posto di polizia di Mesocco, ampliato per l’occasione; ubicazioni supplementari saranno Splügen ed Hinterrhein.