Home CRONACA “Radar” mobili sul territorio, arriva una settimana da Armageddon

“Radar” mobili sul territorio, arriva una settimana da Armageddon

0

Lunedì 25 aprile, festa della Liberazione in Italia, probabile afflusso supplementare sulle strade del Ticino; domenica 1.o maggio, festa dei Lavoratori, idem. Sentite e lette le lamentazioni a mezzo stampa di quanti trovano spiacevole un “radar” piazzato nelle scorse settimane a circa 200 metri da un valico verso il Comasco, raccomandiamo ai confinitimi di prestare attenzione al presente elenco circa i controlli con apparecchi mobili nella settimana per l’appunto compresa tra lunedì prossimo e la successiva domenica. Così per aree e località: nel Distretto di Bellinzona, Sant’Antonino, Lumino, Castione, Bellinzona, Gudo e Monte Carasso; nel Distretto di Leventina, Pollegio; nel Distretto di Riviera, Iragna e Biasca; nel Distretto di Blenio, Malvaglia; nel Distretto di Locarno, San Nazzaro, Porto Ronco, Vogorno, Tenero, Minusio, Vira Gambarogno, Losone, Gordola, Arcegno ed Ascona; nel Distretto di ValleMaggia, Avegno; nel Distretto di Lugano, Pianroncate, Vico Morcote, Carnago, Pazzallo, Barbengo. Pambio-Noranco, Cureglia, Sureggio, Melano, Grancia, Paradiso, Cantonetto, Massagno, Agno, Canobbio, Gravesano, Vezia, Bioggio, Miglieglia, Pura e Magliaso; nel Distretto di Mendrisio, Mezzana, Novazzano, Riva San Vitale, Mendrisio, Balerna e Chiasso. Due infine, a Dongio ed a Gandria, i controlli previsti con apparecchiature semistazionarie.

Previous articleSui denari non c’è accordo: Boas Erez silurato dalla guida dell’Usi
Next articlePositiver Corona-Test bei Bundesrätin Simonetta Sommaruga