Home CRONACA Losone, nella valigetta “sospetta” c’era una parrucca. Fermato un uomo

Losone, nella valigetta “sospetta” c’era una parrucca. Fermato un uomo

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 14.21) Quella valigetta, lasciata – volontariamente, riferiscono ora i portavoce della Polcantonale – all’esterno della filiale della “Banca Raiffeisen” a Losone, sull’incrocio tra via Locarno e via San Materno, ha un padrone e tale padrone è ora a confronto con le autorità inquirenti; di fatto, un responsabile (da capirsi se diretto o indiretto, ovvero se volontario o involontario) per la mattinata da paralisi nel cuore del paese, dove squadre di artificieri sono state fatte intervenire per la… neutralizzazione della valigetta stessa. Ordigno da disinnescarsi, esplosione scongiurata, fuoriuscita di sostanze chimiche o tossico-nocive o addirittura letali? Nulla di tutto questo: una volta che la serratura è stata forzata, dalla valigetta – la cui presenza era stata notata intorno alle ore 8.30 – è uscita una parrucca. Giusto e proporzionale, tuttavia, il dispositivo attivato con transennamento di un tratto del centro, blocco del transito veicolare e di quello pedonale e presenza di agenti a presidio. Problema rientrato, nastri rimossi, indagine a spron battuto e, per l’appunto, l’identificazione ed il fermo di un soggetto. Che ha 55 anni, è cittadino svizzero con domicilio nel Locarnese e più probabilmente nella zona, e qualcosa dovrà spiegare. Nel frattempo, a cittadini ed operatori commerciali ed automobilisti, il ringraziamento dai vertici della Polcantonale per la puntualità con cui le indicazioni sono state seguite e per l’adesione alle richieste in una situazione così particolare; come si suol dire, esercitazione fuori programma, ed esercitazione perfettamente riuscita.