Home CRONACA Covid-19 in Ticino, una seconda ondata da 24’000 contagi

Covid-19 in Ticino, una seconda ondata da 24’000 contagi

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 23.30) Di tutto ci era stato raccontato e di tutto ci era stato preconizzato, al tempo estivo di quella che speravamo fosse pace ed invece era soltanto una tregua, circa il possibile e persino probabile arrivo di una seconda ondata da “Coronavirus” sul Ticino; di tutto, fuorché della dimensione luttuosa e dell’entità del contagio. A numeri freschi, ossia nel transito da ieri mercoledì 17 febbraio all’alba di oggi giovedì 18 febbraio come è ormai in formula cristallizzata nella cronaca, nessuna vittima ossia dato fermo a 952 vittime nel complesso, e di queste 350 nella prima fase della pandemia; sull’evidenza di 50 altri casi nello spazio di 24 ore, salito a 27’544 il numero di positività rilevate, il che equivale al superamento della soglia di 24’000 contagiati durante il secondo ciclo (erano stati 3’531 in quello che ci era parso il periodo più buio). Confortante il lieve calo nel numero dei degenti: 68 sono ora le persone ospiti di strutture nosocomiali, 12 di loro restano purtroppo astretti alle terapie intensive, cinque i nuovi ricoveri, otto i fogli di dimissione firmati. In risalita l’incidenza (ora al sei per cento) dei casi di positività riscontrati sul totale dei tamponi effettuati e sottoposti ad esame di laboratorio (parametro ultimo disponibile: martedì 16 febbraio, 516 “test”). Freschi di giornata, infine, i numeri sui soggetti in isolamento (255) ed in quarantena (480). Fronte delle residenze per anziani: due decessi, ma non per “Coronavirus”, al momento da considerarsi debellato.