Home CRONACA Hascisc per 36 chilogrammi in auto, marocchino fermato a Ponte Tresa

Hascisc per 36 chilogrammi in auto, marocchino fermato a Ponte Tresa

Si capisca: in certe zone del mondo la produzione di droghe viaggia sulla misura delle tonnellate, non dei grammi. Non ci si meravigli allora se un 25enne marocchino senza fissa dimora, alla guida di una vettura con targhe di un Cantone della Svizzera interna, tentò domenica ultima scorsa di filtrare tra le maglie doganali italoelvetiche al valico di Lavena-Ponte Tresa (Varese) su Ponte Tresa, trovando tuttavia accoglienza non confortevole tra le braccia di alcuni collaboratori dell’Amministrazione federale delle dogane. A rigor di primi sospetti la perquisizione dell’auto; magari nulla nel cassetto portaoggetti, ma tra sedili e ripostigli all’uopo organizzati ecco comparire hascisc per il peso complessivo prossimo ai 36 chilogrammi. L’uomo è stato tratto in arresto; a suo carico, come da “dossier” aperto sul tavolo della procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, ipotesi di reato sul passo dell’infrazione aggravata e della contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.