Home CRONACA Covid-19 in Ticino: meno ricoverati, ma risalgono le terapie intensive

Covid-19 in Ticino: meno ricoverati, ma risalgono le terapie intensive

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 19.02) Alla soglia dei 28’000 casi complessivi in Ticino – 27’995 secondo computo ufficiale, 21 in più nel transito da ieri all’alba di oggi – in un anno e quattro giorni, valendo sempre la data di martedì 25 febbraio 2020 quale “terminus a quo”, informazioni contraddittorie giungono oggi dal fronte della pandemia coronavirale: nessun altro decesso (957 in tutto), ed in netta diminuzione il numero dei degenti in strutture nosocomiali (64 contro i 69 di ieri, conseguenza di un solo ricovero e di sei fogli di dimissioni), ma risale (da 10 ad 11) la presenza di pazienti sottoposti a terapia intensiva. 22 i nuovi positivi, con incidenza stimata sempre intorno al sette per cento (ultimo valore attestato all’altr’ieri, su 521 tamponi); 332 i soggetti in isolamento, 486 quelli in quarantena. Fermi a mercoledì 24 febbraio i dati sul progresso della campagna di vaccinazione: 11’470 le persone cui è stata somministrata la prima dose, 12’019 sono invece quelle giunte al termine del trattamento, dunque 35’508 le dosi sino ad ora utilizzate.