Home CRONACA Morbio Inferiore, bomba Covid-19 sulle medie: 570 persone in quarantena

Morbio Inferiore, bomba Covid-19 sulle medie: 570 persone in quarantena

Qui, e stavolta, tutto fa effetto: i numeri, il luogo, il contesto. Confidiamo, come per tutti, in una soluzione serena del caso; ma da ora in poi nessuno potrà più sostenere che no, beh, nel sistema scolastico il problema si è manifestato in modo sporadico, situazioni poche e disperse e non tali da generare allarme. Ed invece: causa Covid-19, con decorrenza immediata ed anzi già dalle scorse ore sono posti in quarantena vigorosa e rigorosa i circa 500 allievi della scuola media di Morbio Inferiore, ed al loro pari i 70 docenti dell’istituto medesimo. A confermarlo, oggi, fonti del Dipartimento cantonale sanità-socialità e del Dipartimento cantonale educazione-cultura-sport, sull’evidenza della rilevazione di almeno 13 contagi, due dei quali riconducibili alla cosiddetta “variante inglese” del “Coronavirus”; aspetto, questo, che ha condotto a valutare il sospetto di un legame epidemiologico con l’analoga esplosione della pandemia – ed è storia confermata appena giovedì scorso – in una casa per anziani a Balerna, sospetto “poi verificato nell’indagine ambientale in corso su questi due focolai”. Informazione completa sullo stato dell’arte è stata nel frattempo diffusa via “e-mail” ai docenti ed alle famiglie degli studenti; lo stesso dicasi per ogni ente che in qualche modo sia collegato o collegabile alle situazione manifestatasi alle scuole medie di Morbio Inferiore (a titolo di esempio, per precauzione è stata annullata la “settimana bianca” che sarebbe scattata domani per una classe della scuola media di Balerna). Per la cronaca, i 13 casi di positività al Covid-19 sono stati rilevati – e miglior cosa per tutti sarebbe stata il dichiararli via via che le singole situazioni emergevano – a partire da giovedì 7 gennaio, ergo sui primi rientri a scuola; di che porsi perlomeno qualche interrogativo, non volendosi dare risposte che la logica già suggerisce, circa la strategia adottata ed a proposito dell’ideologia sottostante.

Sull’esito delle verifiche esperite, in seno all’Ufficio del medico cantonale è stata pertanto disposta la chiusura dell’istituto per due settimane, con attività cancellata sia domani sia dopodomani e limitata dunque alla formale didattica a distanza tra mercoledì 20 e venerdì 29 gennaio; domattina, tra l’altro, i vertici della scuola media di Morbio Inferiore saranno chiamati agli straordinari per “predisporre tutto il necessario” al fine di “garantire il proseguimento delle lezioni” nella versione non frontale; già dal pomeriggio, inoltre, sarà disponibile una dotazione di tecnologia informatica a copertura delle richieste di quanti abbisognino di un “personal computer”. Entro breve, valendo al momento un intervallo di due o tre giorni, sia al personale insegnante sia agli studenti sarà inoltre offerta la possibilità di effettuare in forma gratuita – e ci mancherebbe altro – un “test” cosiddetto “di depistaggio” e che, nella descrizione fornita, è finalizzato a permettere di “identificare eventuali altri casi asintomatici e di agire così tempestivamente per limitare la diffusione della più contagiosa variante del virus”. La partecipazione al “test” è su base volontaria, ed una volta ancora entra in gioco l’appello “al senso di responsabilità di ciascuno” affinché l’adesione sia massiccia, presumendosi l’equazione “più verifiche, meno il virus potrà diffondersi”.

E non è finita: di corollario, sino a tutta domenica 31 gennaio e nell’intero Distretto di Mendrisio viene interdetto anche a bambini e adolescenti sino ai 16 anni – cioè nella fascia di età che sino ad ora era stata preservata dai divieti – lo svolgimento di qualsivoglia attività sportiva di contatto così come lo svolgimento di qualsivoglia attività in spazi chiusi. La solita ricetta: per quanto si sia consapevoli dell’importanza di sport ed impegno ludico, “prioritario ridurre i contatti e frenare la diffusione” della stramenzionata “variante inglese”. E se due settimane non basteranno, reiterazione garantita.

Articolo precedenteCalcio Dna / Lugano, “jolly” ben speso: un punto nel recupero a Sion
Articolo successivoLusso battistrada, “Swiss market index” positivo. “ObsEva”, altro balzo