Home CRONACA Traffico intenso, lento, quasi fermo: sabato da “picnic” in corsia sulla A2

Traffico intenso, lento, quasi fermo: sabato da “picnic” in corsia sulla A2

0

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 10.42) Dateci retta: se potete, evitate. Evitate di infilarvi nel budello della A2, oggi, a meno che la vostra meta sia da punto a punto del Ticino ed allora, nell’eventualità di un imbottigliamento che vi diamo per garantito quanto le solite quattro gocce quotidiane dal cielo, possiate scegliervi anche un’alternativa su viabilità ordinaria; evitate, verso sud è un guaio e verso nord è la promessa di un’anabasi, per di più con reiterazione sin dalle propaggini della Svizzera interna. Stato dell’arte, ad ogni modo:

portale sud della galleria del San Gottardo direzione nord, incolonnamenti a partire dallo svincolo per Faido e sino a quello per Airolo, stima attorno ai nove chilometri, media transito 10 minuti ogni chilometri ergo un’ora e mezzo da mettersi in preventivo e si faccia calcolo d’un quarto d’ora in più per buona misura; ovviamente chiuso in entrata lo svincolo per Airolo;

nella stessa direzione, verso Lucerna, blocco del traffico prima della galleria di Kirchenwald causa incidente, “tunnel” chiuso, primi rallentamenti a partire dallo svincolo per Stans-nord; portale nord della galleria del San Gottardo direzione sud, incolonnamenti a partire dallo svincolo per Erstfeld-Primocampo sino a quello per Göschenen-Casinotta, stima attorno agli otto chilometri, media transito non diversa da quella sul versante opposto della montagna e quindi un’ora e 20 minuti;

in strada ordinaria, code dall’abitato di Erstfeld-Primocampo e sino all’intersezione di Göschenen-Casinotta;

nella stessa direzione sul fronte del confine con l’Italia, code a partire dallo svincolo per Mendrisio ovvero dalle intersezioni con la A394 (“bretella” per Stabio), traffico sullo sviluppo di cinque chilometri sino alla dogana di Chiasso-Brogeda, tempi di transito intorno ai 60 minuti.

Previous articleControlli della velocità, a Camperio il “radar” è affare serio…
Next articleLocarno, “vernissage” in… posticipo alla mostra su Aurelio Amendola