Home CRONACA Sabato da “bollino qualcosa”, code sparse da nord a sud

Sabato da “bollino qualcosa”, code sparse da nord a sud

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 11.01) Meritevole di una ritrascrizione dai “Blues brothers”, qui nella versione “Io lo odio, il sabato”, lo stato dell’arte sui principali assi viari del Canton Ticino e da e per il nostro territorio. Non a braccia levate ma con discreto margine su ogni concorrente vince ancora la galleria del San Gottardo sulla A2: direzione nord su portale sud, ossia dal Ticino verso Uri, coda per chilometri quattro a partire dallo svincolo per Quinto e sino all’area di dosaggio in Airolo, tempi di transito attorno ai 50 minuti, ovviamente chiuso in entrata lo svincolo di Airolo; direzione sud su portale nord, ossia da Uri verso il Ticino, coda per due chilometri a monte dello svincolo per Wassen e sino a quello per Göschenen-Casinotta, tempi di transito attorno ai 20 minuti. Relativamente tranquilla la situazione lungo l’asse della A13 nel tratto compreso fra l’intersezione A2-A13 a Bellinzona-nord ed il “tunnel” del San Bernardino. Fronte Italia: coda per tre chilometri a partire dall’area di servizio in Coldrerio e sino alla dogana di Chiasso-Brogeda, raccomandabili percorsi alternativi a partire da Mendrisio (via A394 su Stabio e Varese, ad esempio, o lungo i tratti delle Cantonali verso Novazzano ed i suoi valichi).

Articolo precedenteScienza, divulgazione, didattica: riecco “L’ideatorio”, in casa e… fuori
Articolo successivoHockey Terza lega / Gruppo 1-est, sfida tra sole sopracenerine