Home SPORT Hockey Nl / Lugano e Ambrì, un altro gemellaggio al… ribasso

Hockey Nl / Lugano e Ambrì, un altro gemellaggio al… ribasso

Male ieri il solo Lugano, ben ben scoppolato in quel di Zugo (vedasi in altra parte del giornale); malissimo oggi sia Lugano sia AmbrìPiotta, come evincesi dal rispettivi 2-3, l’uno in casa contro il BielBienne, l’altro al domicilio del Losanna. Trattasi di hockey della massima serie elvetica, ed a questo punto si teme di dover considerare i leventinesi fuori dalla fascia tra settimo e 10.o posto e di dover trattare i bianconeri come meri “outsider” nella corsa al titolo, perché un piazzamento fra le prime sei al termine della stagione regolare sarebbe strano (e, peggio, anche immeritato. Almeno per quel che si è visto negli ultimi giorni, ecco).

Doppia sconfitta e doppia delusione, appesantendosi in entrambi i casi la situazione in una graduatoria che l’utilizzo della media-punti rende cristallinamente grave. Domanda: come ha perso l’AmbrìPiotta? Risposta: incassando due goal sull’avvio (5.51, Jiri Sekac in superiorità numerica; 7.19, Guillaume Maillard), sacrificando a quel punto Damiano Ciaccio portiere per far posto a Benjamin Conz, rientrando provvisoriamente in gioco con Dominic Zwerger (26.32) e facendosi di bel nuovo distanziare da Benjamin Baumgartner (33.57); poi, è vero, trovando l’insperato aiuto del neoingaggiato Steve Moses (50.30) ed arrivando a tentare il riaggancio, ma non riuscendoci perché i biancoblù, nei finali concitati e con l’uomo in più eccetera, di rado riescono a trovarsi. Ora, seconda domanda: come ha perso il Lugano? Seconda risposta: andando due volte avanti con Mark Arcobello (6.12 e 37.59), subendo un primo pareggio per bastone di Mike Künzle (34.37) ed un secondo su “power-play” finalizzato da Alexander Jakovenko (47.21), indi mancando il “penalty-killing” su Toni Rajala (54.24). Non si vuol infierire dicendo che entrambi i falli all’origine delle ultime inferiorità numeriche sono stati causati da Troy Josephs; si preferisce far notare che anche questa, al pari di quella utilizzata dall’Ambrì, è una tra le vie che portano dirette verso il nulla di fatto.

I risultati – Zsc Lions-Zugo 0-1 (al supplementare, risolutore Lino Martschini dopo 2.44 di gioco su assist di Jan Kovar); Losanna-AmbrìPiotta 3-2; Lugano-BielBienne 2-3.

La classifica per media-punti – FriborgoGottéron 2.088 punti; Zugo 2.000; RapperswilJona Lakers 1.892; BielBienne 1.865; Zsc Lions 1.789; Davos 1.757; Losanna 1.486; ServetteGinevra 1.472; Lugano 1.378; Berna 1.278; AmbrìPiotta 1.132; Scl Tigers 0.865; Ajoie 0.514.

Articolo precedenteCadenazzo, frontale nel pomeriggio: due persone in ospedale
Articolo successivoHockey Wlb / Disco rosso a Wil, vita più dura per le AmbrìGirls “B”