Home ECONOMIA “Swiss market index”, massimo storico poi attestazione sui picchi. New York rilancia

“Swiss market index”, massimo storico poi attestazione sui picchi. New York rilancia

(ULTIMO AGGIORNAMENTO, ORE 18.51) Dopo avvio sofferente, “Swiss market index” della Borsa di Zurigo in marginale ma progressivo guadagno sino al massimo storico su quota 12’574.48 punti, a superamento del primato ottenuto in agosto prima di una secca flessione ora colmata, e con saldo finale sui 12’557.34 punti (più 0.32 per cento). Due soli i titoli in guadagno superiore alla figura intera, ovvero “Abb limited” ed “Alcon incorporated”, più 1.27 e più 1.24 per cento rispettivamente; “Geberit Ag” (meno 2.07 per cento) sulla coda. Scossoni nell’allargato: in rimbalzo “Polyphor Ag” (più 6.40 d’un colpo, ma perdita in doppia cifra nell’ultimo mese), decisamente in difficoltà (meno 33.98) “Molecular partners Ag” sull’annuncio di risultati non congrui da una particolare linea di azione terapeutica in funzione anti-“Coronavirus”. Dalle altre piazze: Dax-30 a Francoforte, più 0.61; Ftse-Mib a Milano, meno 0.23; Ftse-100 a Londra, meno 0.34; Cac-40 a Parigi, più 0.34; Ibex-35 a Madrid, meno 0.61. Ben sostenuta New York, con incrementi fra lo 0.56 e lo 0.69 per cento sugli indici di riferimento. A 105.37 centesimi di franco il cambio per un euro; in ascesa a 93.06 centesimi di franco il cambio per un dollaro Usa; frenata per il bitcoin, ora sul controvalore teorico di 56’360.69 franchi per unità.

Articolo precedenteAddio al “Corriere di Como”, per 24 anni specchio di città e provincia
Articolo successivoQuarantene scolastiche da Covid-19, Ticino investito da… capo a piedi