Home CRONACA Effrazioni a mansalva nel Luganese, prese due ladre in… trasferta

Effrazioni a mansalva nel Luganese, prese due ladre in… trasferta

318
0

Tutto di loro si può dire, ma non che non restassero con le mani in mano e che non fossero ligie al dovere; e, difatti, sono state fermate sul posto di lavoro, o per meglio dire uno dei vari posti di lavoro che si erano scelte quali operatrici itineranti. Stavano infatti per introdursi in un’abitazione a Caslano, in verità non disponendo delle chiavi ma per quello si riesce sempre trovare un rimedio, le due ladre fermate ed arrestate qualche giorno fa – di questo pomeriggio l’informativa dai portavoce di forze dell’ordine e magistratura competente – grazie anche alla fattiva collaborazione di privati cittadini che avevano visto e fatto due più due; intervento di agenti della Polintercom Malcantone-ovest, riscontrate le generalità o almeno quelle che le due ragazzine hanno voluto fornire, sostenendo di essere minorenni, di nazionalità croata (etnia non precisata ancorché deducibile) e residenti in Italia; quanto alla presenza su suolo ticinese, probabile – anche per ragioni di comodità – l’ingresso da uno dei valichi sul Varesotto. Dalla perquisizione personale e da accertamenti è stata anche acquisita la certezza della corresponsabilità delle due delinquenti in vari furti con scasso, tentati o consumati, tutti nelle ultime settimane e tutti nel Luganese. Fra le ipotesi di reato figurano furto, violazione di domicilio, danneggiamento ed ancora entrata, partenza o soggiorno illegale.