Home CRONACA Controlli “misti” sulle frontiere, svizzeri e italiani a formazione congiunta

Controlli “misti” sulle frontiere, svizzeri e italiani a formazione congiunta

Congruo numero di effettivi della Polcantonale Ticino e dell’Ufficio federale dogana-sicurezza dei confini (sino a fine 2021, Amministrazione federale dogane) a formazione congiunta, di recente e per due giorni, con i colleghi di Polcantonale Grigioni e Carabinieri di quattro province italiane (Varese, Como, Sondrio e Bolzano) in funzione precipua di gestione dei pattugliamenti “misti” nelle aree di frontiera. Chiavenna la sede tecnica del percorso di affinamento delle conoscenze teoriche, legali e procedurali come da programma messo a punto sotto coordinamento del “Centro cooperazione polizia e doganale” in Chiasso e del Comando provinciale Carabinieri in Sondrio e con impegno di una sessantina di agenti e di una ventina di formatori. Nella foto, il raggruppamento degli effettivi; altre immagini sulla nostra pagina “Facebook”.

Articolo precedenteProtezione civile, futuro nel segno di «utilità e concretezza»
Articolo successivoSirene di allarme, tempo di verifiche: mercoledì 2 febbraio le prove