Home ESTERI Colpo di stiletto / “Cultura” alla sudcoreana, lo stile non regna sovrano

Colpo di stiletto / “Cultura” alla sudcoreana, lo stile non regna sovrano

Talvolta, e lo si sa, sulla stampa a qualcuno scappa il piede dalla frizione; ma è un nulla rispetto ai danni che vengono causati dai vari “content manager” (eh, anche con qualche deriva su coloro che si autopromuovono a gestori dei “network” sociali per conto di Tizio o di Caio) sul “web”, in radio ed in tv. Prova sia il corredo iconografico e/o di descrizione storica cui i programmisti della “Munhwa broadcasting corporation-Mbc”, emittente fra le tre – cioè insieme con Kbs e Sbs – dalla primaria importanza in Corea del sud, scelsero iersera di associare le singole nazioni partecipanti alle Olimpiadi di Tokyo durante la trasmissione della cerimonia inaugurale: per la Norvegia, i salmoni; per l’Italia, la pizza; per le Isole Marshall, i 66 “test” nucleari condotti nel periodo 1946-1958. Peggio che mai per l’Ucraina, “raccontata” con un filmato sulla tragedia di Chernobyl (vedasi immagine). Quando c’è lo stile, quando c’è la sensibilità, vero? Post scriptum: per buona misura, “munhwa” vuol dire “cultura”.

Articolo precedente“Terra insubre”, parole in memoria di un sogno chiamato “Alpinia”
Articolo successivoCalcio Dnb / Ripartenza sottotono, pari e patta nella sfida… Slow