Home CONFINE Cinghiali di… frontiera, autorità lariane in consulto a Porlezza

Cinghiali di… frontiera, autorità lariane in consulto a Porlezza

Danni denunciati per centinaia di migliaia di euro, incidenti di vario genere non esclusi quelli stradali, ed il sommesso rischio per l’incolumità delle persone più deboli che possano trovarsi a contatto con tali presenze. Sulla crescente manifestazione di cinghiali ed ungulati “in genere” il vertice che avrà luogo domani, venerdì 26 giugno, fra autorità locali, istituzioni regionali lombarde e responsabili della “Coldiretti” interprovinciale Como-Lecco, sede del confronto il “Consorzio bacino imbrifero montano e del Ticino” a Porlezza (Como). Oltre 40 gli amministratori locali, oltre a figure di riferimento dell’organo-mantello in cui è rappresentata la maggioranza degli operatori nel settore primario tricolore, invitati all’incontro; obiettivo, come afferma Ettore Prandini presidente nazionale della “Coldiretti” e promotore in prima persona di questo appuntamento, è il “trovare soluzioni condivise e concrete per difendere il territorio, le case ed il lavoro degli agricoltori che portano avanti l’attività in zone spesso già di per sé difficili in quanto situate in ambiente montano”. Al termine dell’incontro, sopralluogo in alcune aree della Val Menaggio – Carlazzo il Comune di riferimento – spesso soggette ad incursioni e devastazioni da parte dei cinghiali.